Oltre il ridicolo: THC, la nuova droga che allarma il Piemonte

Posted on 23 maggio 2016

3



Un servizio del TGR del Piemonte informa che tra i giovani in regione dilaga una «nuova droga dagli effetti tremendi». Una «sostanza psicoattiva contenuta nelle infiorescenze della cannabis”», molto pericolosa perché «ha effetti 10.000 volte superiori alla tradizionale marijuana». Il TGr c’informa inoltre che i i ragazzi «la usano per gli stati d’ansia, per dimagrire o per dormire», delirio. La fonte di tante nefandezze sarebbe un rapporto della locale ASL, ma c’è il sospetto che nella redazione del TGR piemontese qualcuno non l’abbia compreso bene.

Per chi non lo sapesse il THC (tetraidrocannabinolo) è il principio (psico) attivo presente naturalmente nella cannabis e quindi non è  affatto «una nuova droga» e nemmeno può avere «effetti 10.000 volte superiori alla tradizionale marijuana».

 

La «nuova sostanza stupefacente con effetti molto pericolosi» non è nuova e non è nemmeno pericolosa, visto che è naturalmente presente in tutta la cannabis usata a scopi ricreativi e medicinali e consumata in abbondanza da decenni, se non da secoli, senza che abbia mai provocato la morte di alcuno.

La ricerca del sensazionalismo e una brutale ignoranza hanno partorito questo servizio allucinante, che non per niente si conclude denunciando che «alcune ragazzine per procurarsi la marijuana si sono prostituite».

 Aggiornamento: la redazione del TGR piemontese si è poi scusata per il servizio..

Annunci