Browsing All posts tagged under »Assange«

La Svezia ha respinto il ricorso di Julian Assange

novembre 20, 2014

3

Ennesimo appello degli avvocati di Julian Assange, il leader di Wikileaks, ed ennesimo diniego da parte dei tribunali svedesi, che più di tre anni fa hanno emesso un mandato di cattura internazionale per ri-sentirlo in qualità di testimone in un caso che non è mai stato aperto, e per il quale non sono mai state […]

Una perfect shitstorm su Michael Grunwald, che non vede l’ora dell’assassinio di Assange

agosto 18, 2013

3

Michael Grunwald è (era?) un giornalista di TIME, un sostenitore di Obama che come tale ha anche scritto un libro per spiegare che il suo “stimulus” è stato astuto e ha funzionato e che di recente si è trovato a difendere, chissà com’è, anche la sua performance di fronte allo scandalo Datagate, non mancando di […]

Caso Snowden e informazione: l’Eco di Washington

giugno 25, 2013

16

Il quotidiano La Stampa da sempre è la prima rappresentante in Italia di uno smaccato filoamericanismo, ma da quando il baricentro di casa Fiat si è spostato verso gli Stati Uniti, l’atteggiamento ha assunto proporzioni ancora più imbarazzanti. Sul caso Snowden si sono esibiti diverse sue penne, ma nemmeno Riotta finora era riuscito ad arrivare […]

Quel tesoro di Wikileaks che imbarazza un po’ tutti

aprile 11, 2013

4

Molti faticano a comprendere il valore dell’ultima pubblicazione dei Kissinger cable, ancora di più hanno ogni interesse a minimizzarne l’importanza, eppure tra il milione e settecentomila comunicazioni dell’amministrazione americana relative al periodo che va dal 1973 al 1976 ci sono documenti dal valore storico inestimabile. Com’era accaduto per i cable che Wikileaks avrebbe ricevuto dal […]

A balanced point of view

dicembre 2, 2012

0

BBC ultimamente sembra un po’ allo sbando, ecco una giornalista kamikaze lanciata contro Assange, andare al massacro armata solo di informazioni già destituite di ogni fondamento. Dalle affermazioni del ministro svedese Bild, svergognato nell’occasione per aver mentito sulle leggi del suo stesso paese a quelle del Pentagono, impegnato a negare di aver sottoposto Bradley Manning […]

Caso Assange, lo scandalo travolge l’accusa svedese

novembre 20, 2012

7

La storia del caso giudiziario più famoso di Svezia si chiude per ora con un colpevole: Claes Borgström Una storia che starebbe bene tra le pagine dei famosi autori di thriller giudiziari svedesi, se non fosse che non è una trama di fantasia, ma terribile realtà. È la storia del processo a Sture Bergwall, che un tempo voleva […]

Uccidete Julian Assange

ottobre 17, 2012

1

Nella terra dei liberi chiunque danneggi gli interessi del paese è un terrorista. Nel video che potete osservare di seguito sono raccolte le dichiarazioni di alcuni politici, commentatori e ufficiali statunitensi che alla faccia di qualsiasi presunzione d’innocenza esprimono la loro condanna a morte nei confronti di Julian Assange, che però non ha  mai commesso […]

Assange e la monarchia delle banane

ottobre 3, 2012

0

“È un problema per Fredrik Reinfeldt, o per la Svezia, che il tipo di descrizioni che emergono della Svezia sulla stampa internazionale siano quelle di un paese con un sistema giudiziario da repubblica delle banane?” Reinfeldt è il primo ministro svedese e all’intervistatore che gli ha porto questa domanda in televisione ha risposto che è normale […]

Che succede se la Svezia consegna Assange agli USA?

agosto 27, 2012

8

La Svezia ha risposto ai rilievi del  Committee against Torture dell’ONU e nella risposta ha illustrato un punto rilevante anche per il caso Assange. Il governo svedese dice che l’autorità giudiziaria è indipendente e che nessun procuratore svedese ha aperto alcun caso legale per le rendition di due cittadini egiziani, Mohammed Alzery e Ahmed Agiza, poi torturati […]

Wikileaks, scandalo e figuraccia Finmeccanica in Siria

luglio 6, 2012

3

Due milioni di file, abbastanza da creare montagne d'imbarazzi al regime e ai suoi fornitori e sponsor. L'Italia oggi è sul banco degli imputati, ma sembra che la risposta allo scandalo sia quella del basso profilo e della fuga dalle responsabilità