Soros everywhere

Posted on 12 maggio 2017

7



La storia è cominciata parecchi anni fa con alcuni gruppi d’estremisti di destra americani che hanno trovato in George Soros la persona ideale per interpretare il ruolo del perfido banchiere ebreo impegnato a complottare insieme ai suoi misteriosi sodali al fine di dominare il mondo della finanza. Poi Soros è stato adottato da parecchi anche nello spazio ex-sovietico, diventando per tutti lo sponsor, se non l’artefice, delle «rivoluzioni colorate» per l’estrema destra come per i tardocomunisti. Poi successivamente il suo nome è stato legato anche alle «primavere arabe» e infine, più di recente, a un piano per destabilizzare l’Europa «inondandola» di profughi dall’Africa, anche se per ora Soros sembra contribuire solo alle piccole spese di una singola ONG, poca roba in confronto ad esempio all’attività della nostra Marina. Che lavora per Soros e non lo sa.

La versatilità di Soros come babau spaventacristiani si è dimostrata eccezionale nel corso degli anni, al punto che il finanziere americano con il tempo è stato adottato in quasi tutti i paesi del mondo da complottisti e politici in cerca di qualcosa con cui distrarre gli elettori, dove ci sono le elezioni.  Soros non risente dell’usura degli anni e nemmeno della terribile inflazione dell’uso del suo nome, che anzi tira tantissimo anche nel nostro paese, dove Soros non porta solo i migranti, ma finanzia anche degli sfrontati omosessuali che poi invia a dar fastidio a Putin.

Non deve stupire, là dov’è nato il fenomeno-Soros è associato, e viceversa, a qualunque movimento vagamente progressista. Così che ormai negli Stati Uniti, a radunare le accuse a Soros, emerge che questi finanzierebbe -tutti- o quasi. A parte naturalmente le congregazioni dei bravi cristiani e, forse, il KKK e qualche altro gruppo suprematista. I democratici, gli attivisti libertari, Occupy Wall Street, Black Lives Matter, le femministe e ancora:

Sono tantissimi quelli negli Stati Uniti pagati da Soros, ma sono molti di più quelli accusati d’essere pagati da Soros dal primo che passa in rete o che ha accesso ai media tradizionali, perché Soros a dispetto della sua attività di speculatore è identificato come comunista, perché per gli standard dell’estrema destra è comunista chiunque spenda il suo tempo e i suoi soldi per sostenere cause o personalità progressiste. E non è solo un modo di dire, sono come certi berlusconiani di ferro da noi e i loro intellettuali di riferimento non hanno nessuna difficoltà ad accusare ad esempio Soros di voler inondare la California di comunisti. Senza peraltro spiegare dove mai li andrebbe a prendere.

L’odio per Soros ha una matrice tanto spiccatamente di destra che persino in Israele è considerato un nemico dalla destra locale. Anche in Israele Soros si è schierato contro la chiusura delle frontiere agli immigrati africani e così, prima di capire che altrove si stava vestendo la sua figura dei panni dell’onnipotente e perfido banchiere ebraico che trama per dominare il mondo, anche la destra israeliana ci ha dato dentro.

Perché Soros farebbe tutto questo e soprattutto come ci possa riuscire non sono questioni che interessino molto a chi usa Soros come un richiamo, al quale il target di riferimento reagisce con automatismi pavloviani. In genere la spiegazione più condivisa è che Soros sia impegnato a distruggere gli Stati Uniti, oltre ai paesi dello spazio ex-sovietico, all’Europa e via elencando, ma sui suoi motivi reconditi non c’è chiarezza, persi come sono tra l’enorme non detto dei nazifascisti e la sostanziale distrazione degli altri.

L’unica cosa certa è che Soros non guarda in faccia a nessuno e che sembra disporre della sua enorme ricchezza comprando tutti quelli che si fanno comprare, tanto che negli Stati Uniti avrebbe sul suo «libro paga» anche e almeno sei repubblicani di punta, dicono i bene informati.

E resteranno delusi, sono già delusi, quelli che pensavano di aver trovato in Trump un campione anti-Soros e che, invece, hanno scoperto come il diabolico finanziere abbia tra i suoi debitori anche il genero del presidente Trump, che nella nuova amministrazione sembra aver assunto un attivissimo ruolo di governo a prescindere dal suo inquadramento ufficiale.

 

Così, tra quelli che ci sono e quelli che ci fanno, l’uso di Soros come arma di distrazione di massa è uscito dai circoletti della destra suprematista e un po’ alla volta è diventato ubiquo, ha conquistato il mainstream ovunque ispirando politici di ogni paese a utilizzarlo, più o meno efficacemente.

In fondo è facile, se Soros ha finanziato un giorno un’associazione che poi ne ha sostenuta un’altra, questa diventa una pedina di Soros e chi lavora o ha relazioni con questa diventa: «pagato da Soros». Un’associazione brasiliana sostenuta da Soros sponsorizza un’app con scopi sociali? Ecco che questa diventa l’app di Soros che ti spia. Che ci vuole? Niente. E infatti con questo sistema, partendo da un contributo dato a – una – ONG impegnata nel salvataggio dei migranti nel Canale di Sicilia, Soros è diventato il deus ex machina dell’invasione che non c’è.

Per quello che ci riguarda più direttamente Soros sarebbe impegnato in un piano del quale si conoscono pochi dettagli, ma che a grandi linee comprende prima di tutto una guerra al cristianesimo, la religione di pace che ha convertito a forza americani, asiatici, africani e abitanti dell’Oceania, dagli inuit ai papuasi. Quel cristianesismo lì, quello civilizzatore e crociato, non quello di Papa Francesco Perché Francesco non è altro che una delle marionette di Soros. Pure lui.

Per distruggere il cristianesimo, bastione d’Europa contro il feroce Saladino, Soros è quindi impegnato in una manovra a tutto tondo. Finanzia infatti anche la corruzione dei costumi e il deboscio:

Minaccia la Sacra Famiglia Eterosessuale con l’arma del gender affinché capitoli e non faccia più figli, lasciando un’Europa spopolata a misura d’invasione:

E a tal fine controlla i media che ci propinano i film con i gay per farci diventare omosessuali o per convincerci che gli omosessuali sono normali e non pericolosi deviati da curare assolutamente, pena l’estinzione degli europei.

Il «gender totalitario» (?) è un’arma di fine-di-mondo e Soros non ha paura d’usarla.

L’attacco all’Europa è totale e ne fa parte anche il controllo di leader come Macron, appena diventato presidente francese, o d’interi partiti. Anche in questo caso Soros largheggia e finanzia qualsiasi cosa non sembri di destra.

Soros insomma è ovunque, finanzia quasi tutti i movimenti di sinistra a parte forse quelli che accusano gli altri d’essere pagati da Soros, e centinaia di politici, associazioni e partiti. Ovunque, in tutto il mondo, tanto che c’è da chiedersi come faccia a star dietro tutto da solo al complotto per distruggere l’Europa, a quello per gli Stati Uniti e a tutti gli altri complotti ai danni di paesi minori. Nella narrazione originale però Soros non era da solo, ma in compagnia di altri finanzieri (ebrei) come quelli della banca Rotschild e per l’estrema destra quando si evoca Soros si fa riferimento a uno storytelling rodato e perfettamente conosciuto, quanto condiviso. Una storia nella quale il complotto (pippoplutogiudaico) di Soros non è solo di Soros. Basta saper «unire i puntini» come fanno loro e tutto si tiene. Anche se all’apparenza e alle persone normali il tutto sembra composto assemblando deliri da deficienti, questa roba funziona e attrae anche moltissime persone che sono poco o niente politicizzate. Persone alle quali queste accuse appaiono plausibili anche grazie al fatto che sempre più media mainstream giocano con questo pattume, dandogli colpevolmente visibilità e credibilità, mentre raramente si scusano quando qualcuno lamenta la pubblicazione di propaganda tanto malfatta.

In fondo non è difficile da capire perché succeda, Soros è il babau perfetto e il complotto ebraico per la conquista del mondo è un grande classico che per quelli di destra sta bene su tutto, dalle scie chimiche agli UFO. Peccato solo che proprio in Europa sia finita malissimo, l’ultima volta che questo genere di pattume ha preso piede.


Nota a margine: questo pezzo e lo scrivente non sono e non sono stati finanziati da Soros, ma nel caso emerga questa possibilità sono pronto a fornire il mio IBAN immantinente. Mi hanno già accusato molte volte d’essere pagato da Soros e tanto vale che mi metta in pari, se capita l’occasione.

Annunci
Messo il tag: ,