Auto usate online: la truffa dello scozzese

Posted on 27 maggio 2015

1



Quando un oggetto di largo consumo e dal valore noto è offerto online a prezzi incredibilmente bassi, la truffa è in agguato. Vale per tutto, anche per automobili.

truffa-auto

Chi tra gli amanti del genere non sarebbe attirato da una vettura come questa sopra, offerta a meno della metà della quotazione di mercato sul sito di Quattroruote? E chi non farebbe un pensierino alla Subaru qui sotto, che diversamente si trova sul mercato intorno a quota 30.000 euro? E si vede che qualcuno un pensierino ce lo fa, perché il filo che lega questi annunci parte da un indirizzo mail in comune e finisce per confezionare il vestito di una truffa che attende al varco gli incauti.

truffa-scozzese-subaru

In questo secondo caso l’annuncio riporta anche un indirizzo stradale, ma è inesistente, via Daniele Manin a Sala Consilina non c’è o almeno non risulta che ci sia.

truffa-scozzese

La stessa mail è presente su numerosi annunci online, ma è probabile che ce ne siano altri su altri siti che, come quello di Quattroruote, non mostrano l’indirizzo di posta elettronica. Ma che si risponda all’uno o all’altro annuncio, si riceverà sempre la stessa replica:

La ringrazio per avermi contattato, sono un privato da poco tornato dall’Italia in Cupar, Scozia. Ho comprato la macchina quando lavoravo in Italia, ma adesso sono ritornato con la famiglia in Scozia e la voglio vendere. La macchina è immatricolata in Italia, ha tutti i documenti in italiano. La macchina è bellissima, funziona benissimo è tra l’altro si trova in eccelenti condizioni, sia di carrozzeria sia di meccanica che di interni, è veramente impeccabile, non è mai stata incidentata, unico proprietario non fumatore. E molto difficile per me guidare una macchina con la guida a sinistra in Scozia, per cui sono costretto a venderla. E molto difficile per me guidare una macchina con la guida a sinistra in Scozia, per cui sono costretto a venderla. La macchina sarà disponibile con tutti i documenti inclusi il manuale d’uso e manutenzione, il libretto, tagliandi e le chiavi originali, in modo che non ha problemi a fare il passaggio di proprietà. Se lei è interessato alla macchina posso organizzare la consegna in Italia con un periodo di prova di 4 giorni. Vorrei informarvi che per questo preferisco affidare tutta la pratica ad una società di spedizione internazionale che si occupa di tutte le pratiche. Mi faccia sapere se è d’accordo e io vi forniro tutti i dettagli per quanto riguarda la spedizione e il pagamento. Il mio numero di telefono è

Che spiegata meglio poi diventa:

Ciao,
la macchina si trova in Scozia. Il prezzo totale per la macchina compreso le tasse di spedizione è 11.400 Euro. Ecco come posso organizzare il trasporto:
lascerò la macchina sotto la custodia della società che gestirà il pagamento e la spedizione. La società di spedizione la notificherà non appena la macchina è stata verificata è preparata per il trasporto, vi contatteranno con tutti i dettagli di pagamento è di consegna è ricevera il contratto d’acquisto in italiano, lei invierà il deposito di garanzia a loro un acconto di (50%) del prezzo prima di cominciare il trasporto, quando la macchina arriverà al suo indirizzo inizierà il periodo di prova. In questi 4 giorni lei può testare la macchina e se per caso la macchina non sarà come lei se l’aspetta, la può riconsegnare e lei sarà rimborsato di tutta la spesa. La società la ritirerà e la rispedirà in Scozia, se la sua decisione sarà positiva lei può firmare il passaggio di proprieta presso gli uffici dell’ACI e la società di spedizione mi invierà il denaro per la macchina. Per il passaggio di proprieta io firmo una procura, con questa procura la società di spedizione è autorizata a firmare tutti i documenti per me. Spero che lei capisca la procedura e se lei è convinto possiamo cominciare la procedura di spedizione inviando il suo nome, il suo indirizzo, il suo numero di telefono.
Questo è il mio telefono 0044——– .

La storia delle Scozia dovrebbe servire a spiegare come mai il prezzo delle vetture è così basso e anche a fornire il pretesto per giustificare l’esborso in anticipo, versato il quale probabilmente si potrà dire addio alla transazione e alla somma. D’altronde non si capisce quale venditore investirebbe diverse centinaia di euro per mandare un’auto in visione dalla Scozia all’Italia allo scopo di venderla a un prezzo nettamente inferiore al valore di mercato.

Prova ne sia che a richiesta di una copia dei documenti dell’auto la risposta è: «La macchina con tutti i documenti sono gia alla società di spedizione. Riceverai tutti i documenti una volta con la macchina». Il venditore non ha nemmeno le copie e l’auto che nel primo messaggio doveva essere consegnata allo spedizioniere, è già dallo spedizioniere e «la società di trasporto la notificherà non appena la macchina è stata verificata è preparata per il trasporto, vi contatteranno con tutti i dettagli di pagamento e di consegna e vi invierà il contratto in lingua italiana».

Non restava che verificare il numero telefonico, che è attivo e al quale risponde una persona dall’italiano incerto, ma non dall’accento brit e neppure scozzese, quanto piuttosto dell’Europa dell’Est. Persona che rifiuta di dire come si chiama e che non sa spiegare perché racconta a tutti la storia della Scozia anche se non sta in Scozia e perché non può inviare i documenti di automobili che probabilmente non possiede e non ha mai posseduto, ma che propone in vendita a prezzi popolarissimi, per di più spacciandosi a volte per un privato, a volte per un’azienda che non esiste domiciliata in una strada che non esiste.

Una truffa non molto elaborata e all’apparenza è difficile pensare che qualcuno possa abboccare alla richiesta di pagare metà auto prima di vederla, fidando solo sulla garanzia della misteriosa società di spedizioni e su quella del misterioso venditore dotato di numero britannico, e a margine di una fin troppo italica predisposizione a insultare il giornalista curioso. Eppure si vede che prima o poi qualcuno abbocca, perché così com’è organizzata sembra una truffa facilmente smascherabile e l’ipotesi di essere colti dalla giustizia non è per niente peregrina, evidentemente chi ci lavora riesce comunque a guadagnare abbastanza da retribuire la fatica e il rischio.

Pubblicato in Giornalettismo

 

 

 

Advertisements
Posted in: Italia, Truffe