I guerrieri da talk show contro l’anarchico sulla sedia a rotelle

Posted on 2 maggio 2015

7


Pasquale «Lello» Valitutti ha 67 anni e una lunga storia di militanza che risale ai tempi del povero Pinelli volato dalla questura di Milano e, pur disabile e costretto su una sedia a rotelle, partecipa a cortei e manifestazioni. La sua condizione è garanzia del fatto che non danneggi e non devasti. Il fatto che ieri a Milano indossasse un casco pare inoltre frutto di puro buonsenso, non certo del tentativo di camuffarsi come hanno insinuato alcuni tra quanti hanno pensato bene di dirgli di tutto, visto che solidarizza con la protesta che ha portato scompiglio e danni nel centro di Milano.

Valitutti tra l’altro è stato picchiato dalla polizia, senza che ce ne fosse bisogno, anche se lui minimizza le botte e par di capire che lo abbiano ferito di più le minacce, sempre da parte dei poliziotti: «Quando è arrivata la polizia, gli agenti in divisa mi hanno colpito alla testa. Ma solo con le mani, non con i manganelli. Così, giusto per stordire. Poi sono arrivati gli altri in borghese, e mi hanno minacciato: “Guarda che ti conosciamo, sappiamo dove abiti. Veniamo a casa tua e ti facciamo saltare le cervella”. Non si minaccia così una persona». I poliziotti in particolare non dovrebbero farlo, e non solo perché Valitutti non sembra proprio aver commesso alcun reato, tanto che nessuno lo ha denunciato o neppure fermato.

Allo stesso modo i media non dovrebbero identificarlo come un devastatore o additarlo come un «black bloc», alla faccia della presunzione d’innocenza garantita invece ad altri tipi di criminali, sempre giustamente presunti tali fino all’ultimo grado di giudizio. Nutrita è invece stata la canea di quanti, chissà perché, hanno chiesto punizioni bizzarre o medioevali per Valitutti. Come spesso accade Gasparri si è distinto nel tiro all’indifeso, e così al bullismo contro la ragazzina sovrappeso, ha aggiunto al suo palmares anche l’aggressione scomposta al disabile:

gasp 1

Togliere la pensione a un disabile è una proposta da fascista fatto e vestito e ovviamente è una pena atipica che Gasparri non ha mai proposto nemmeno per i mafiosi, nemmeno per quelli non disabili. Ma a Gasparri e a molti altri basta l’adesione morale alla protesta per far scattare il linciaggio. Così si è vista molta gente che si è trovata perfettamente a proprio agio nell’augurare la morte o nel minacciare quest’uomo ormai anziano, che a 67 anni si occupa di bambini disabili e va in piazza a manifestare contro le ingiustizie senza far male a nessuno. C’è persino chi lo ha accusato di «sfruttare» la sua disabilità o ancora il geniale Gasparri che una volta informato su chi fosse l’uomo contro il quale si era accanito, ha accusato chi era in piazza di averlo usato come scudo umano:

gasp 2

Più sottile il Corriere, che sottolinea in un titolo come Valitutti sia tornato a Roma con il Frecciarossa, quasi che essendo contrario al TAV in Valsusa, i contrari all’alta velocità ferroviaria in assoluto sono pochissimi, il poveretto debba muoversi utilizzando quel che è rimasto della rete ferroviaria, dopo la strage dei collegamenti a non alta velocità, perpetrata per favorire proprio i Frecciarossa. Una vera e proprio punizione che si dovrebbe auto-infliggere pena il rendersi ridicolo, secondo alcuni, per i quali sembra che per essere al di sopra di ogni critica avrebbe dovuto usare il terribile «regionale» che parte a mezzanotte e un quarto da Milano e arriva otto ore e 55 dopo a Roma o l’unico Intercity che parte nel primo pomeriggio che ce ne impiega a sei e mezza. Consultare l’orario per credere che sono le uniche alternative ai Frecciarossa, che invece partono al ritmo di un paio ogni ora e ci mettono circa tre ore, come Italo, che però è vietato a Valitutti perché è sempre alta velocità ed è pure di una società privata (p.s. Valitutti chiarirà poi che la sua carrozzina non può salire sui non-Frecciarossa). Se protesti contro il sistema devi nutrirti di bacche e vivere in miseria, altrimenti sei un ipocrita colluso, non è una tattica delegittimante nuova e nei confronti di un certo pubblico funziona ancora alla grande, per questo è usata tanto diffusamente e per questo ieri centinaia di persone sono andate in delirio per un orologio che, al polso di una manifestante, è subito diventato «un Rolex» anche se nell’immagine mostrata come «prova», sgranata in pochi pixel, ci poteva essere qualunque cosa e nessuno è stato in grado di dimostrare che fosse un Rolex o uno Swatch.

corri

Al netto delle oscenità di Gasparri e delle miserie di certa stampa, i limiti del quale sono noti a tutti, c’è da dire che la massa dei commenti sulla presenza di Valitutti ha ancora una volta travalicato i confini del buongusto e spesso anche quelli del delitto, e ancora di più è accaduto quando a parlare sono stati politici e giornalistici, tra i quali si sono distinti al ribasso quanti, democraticissimi, hanno proposto di vietare le manifestazioni. Non sono i black bloc che devastano il discorso pubblico e il confronto politico nel nostro paese, è invece una classe parlante che lo fa senza provare alcuna vergogna e senza curarsi di macellare quel che resta, di quel po’ di civiltà che siamo riusciti a mettere insieme dal ’45 in poi.

Annunci