Gli intellettuali della gente

Posted on 11 settembre 2012

13



Qualche giorno fa si parlava in rete di candidature nazionali per il M5S. Se ne parlava un po’ a vanvera sui social network e su Facebook erano già spuntati siti che invitavano il Popolo Della Rete e la Gente ad esprimere le proprie preferenze.

Proprio in quelle ore l’account Twitter di Loretta Napoleoni è entrato in fibrillazione e ha cominciato a cinguettare come raramente accade. L’economista, non-professore, esperta di terrorismo (?) sembrava decisa ad arringare le folle e a metterle a parte delle sue conclusioni in campo economico, che poi finiscono sempre con l’euro da abbattere per vivere felici, possibilmente non pagando il debito pubblico o una discreta parte dello stesso.

Già più di una volta Napoleoni era partita da premesse sbagliate, sempre prendendo il discorso alla lontana, una volta dall’Islanda, poi da Dubai, ma sempre lì volea volare, sembra anche a sprezzo del ridicolo. Napoleoni si è già dimostrata approssimativa e molto ansiosa di candidarsi, tanto che lei stessa si è candidata a diversi ruoli, dai comuni alle province fino al soglio parlamentare. Tutti discorsi che a dire il vero si è fatta da sola e che non hanno avuto un grande seguito, pare.

Questa volta è partita decisa e ha annunciato persino una telenovela in più parti

Telenovela non troppo avvincente e per giunta accompagnata da intervalli pubblicitari raccapriccianti, come questo invito a leggere uno dei testi più terrificanti che mi sia capitato d’incrociare negli ultimi tempi, la signora ha sicuramente un gran fiuto

Sembrava lanciata, tanto che dopo aver messo le mani avanti ed essersi data un’incipriata di vittimismo e un fondotinta da Gente…

…aveva persino invocato la benevolenza e la potenza del Popolo Della Rete. Per una volta l’azione sembrava avviata con il piede giusto (insomma…) anche se a qualcuno questo tweet ha fatto più impressione di quello prima, pur notevole per una che è sempre in televisione e che in fondo un po’ Kasta lo è lo stesso. , visto il padre economista e a lungo parlamentare .*

Purtroppo e sfortunatamente, la querelle di Favia scoppiava in tutta la sua virulenza appena due giorni dopo il lancio e lo stesso giorno i grillici sono partiti in auto-trolling, due eventi che hanno distratto  il Popolo Della Rete e quello pentastellato da questioni sciocchine come le liste dei candidati al parlamento e demolito qualsiasi attenzione al tentativo di auto-promozione di Napoleoni. 

Così non le è restato molto da fare, se non usare l’opera di papà di un omonimo come scudo per le domande sulla telenovela che si facevano impertinenti.

Ed ecco subito messa via la telenovela. Gli economisti a disposizione del M5S soffrono tutti un po’ degli stessi difetti, grande impeto nel presentarsi da paladini e nel rincorrere tesi precostituite, ma poco rigore nel preparare le loro esposizioni, quasi che, tanto impegnati nella loro evidente caccia al consenso del Popolo Della Rete e a quello della Gente, fossero disposti a scendere ai peggiori livelli pur di lucrare consenso e di rendersi accettabili a un profilo ben preciso di elettorato, che oggi nel nostro paese ha un suo discreto peso. Per ora si può ben dire che gli intellettuali della Gente non siano poi visibilmente tanto diversi dai peggiori tra quelli della Kasta, tifoserie incluse, il paragone è impressionante.

*vedi commenti

Messo il tag: ,